PT Escapes & Tips


PINKTROTTERS SUMMER 2015: CUBA

Meet Mari and Valeria, two adventurous pinktrotters with one big dream: visit the "authentic Cuba" before it gets spoilt by the effects of modernization and globalization.


Share this post on social media!

Meet Mari and Valeria, two adventurous pinktrotters with one big dream: visit the "authentic Cuba" before it gets spoilt by the effects of modernization and globalization.

One year ago, during one of our endless train journeys all across India, we decided that our next destination would be the revolutionary island of Cuba. The wind of change was starting to blow and we didn't want to miss the chance to taste a bit of that "authentic Cuba" (whatever it means..), as it was in the 60's. It was supposed to be the same-old-three-of-us (Valeria, Mari and Paola), but due to last-minute issues at work, we ended up being only two – Mari and Valeria – with our faithful backpacks on the flight to Havana.




The first stop was Viñales Valley with its amazing hills that look as if they've dropped from the sky. Viñales is a peaceful rural village that has learnt to coexist with travelers coming from all over the world. There are plenty of routes to go hiking or riding a horse: we crossed small coffee and tobacco plantations, and a guajiro taught us how they make the world-renowned Cuban cigars from tobacco leafs. The villagers host travelers in their own houses (casas particulares): this is the best way to enjoy the life in Cuba. Cuban families are marvelous hosts: we always had warm welcomes and very pleasant stays. Aleida's home soon become our home and we felt like part of her "big family" who also included our room-mate Laura from Catalunya. We met her on the bus to Viñales and she joined us for a couple of days as "temporary" Pinktrotter! Lot of laughs, mojitos and gossip!



Two days after we left to the "Paris of the Caribbean": Cienfuegos. When we arrived, we soon discovered it was the last day of Carnival (oh yes! as you read it.. Carnival in August!). A crazy celebration was taking place in the Malecón (seafront promenade) and we jumped in! In this Cuban version of Oktoberfest with a Rio-style parade, people were partying all night long. We were hosted by a sweet and cute ex-teacher with a big house in Punta Gorda, a narrow piece of land surrounded by the sea. This picturesque part of the city is a curious combination of styles and eccentricity: it worths a visit, but don't trust who tells you that it is the nicest bay of Cuba.



The journey to Trinidad was definitely a movie scene: the two of us sitting back on an extremely vintage 50's Chevrolet while spotting glimmering beaches along the coast. Trinidad is a beautiful city with an enchanting colonial atmosphere: tourism industry knows it very well. Even if it's packed of tourists, you can definitely live the city enjoying the music played in Casa de la Musica or one of the many restaurants of the city centre (La Redaccion was our favorite). A walk in neighborhood next to the cathedral the will show you all the colors of the rainbow painted along the street. We also hired a bike to go to the beach: a 20 minutes journey to get to a paradise beach (Costa Sur) with few people and white sands.



We spent some hours in Sancti Spiritus before getting to Santiago de Cuba. Santiago is definitely a vibrant city: we were welcomed by an orchestra that was playing in the main square to celebrate Fidel Castro's birthday! A place to visit is Casa de la Cultura: we bumped into a Santeria ritual and it was a super interesting experience of music, dance and spiritualism. Worth to mention our super cute host Marta who run the cleanest house in the world and the effervescent Aichel who can cook you delicious Italo-Cuban dishes (try the lobster ravioli!). While in Santiago, we visited la Gran Piedra (459 steps to climb!!) and one of the most ancient cafetales of the island. Santiago is where the revolution broke out: don't be surprised by the huge amount of billboards spread all over the city that celebrate the heroism of this city!



Camaguey was our longest stop: as nice as unexpected! When you travel with no other plan than not to have any plan, you agree to accept with a smile anything the destiny has for you: your credit card blocked included! We were forced to stay longer, but our karma compensated it by giving us a beautiful and smiling town to discover. We also had our "ad honorem" granmother: Rosa Pilar Rivero who took care of us as part of the family. And then.. finally..beach time! We arrived in Cayo Guillermo with high expectations and it didn't let us down. A paradise of stunning white beaches, palms and pink flamingos was waiting for us! After days of walking and travelling around, we enjoy to relax in the crystalline water of Playa Pilar. In Cayo we met Miriam & Ale, a super nice couple who travelled with us till our next stop.

The Carribean beaches create addiction, so we decided to spend a day in Varadero. Despite the tons of tourists in town, the uninterrupted 20km beach can give you the feeling that it's just you and the sea (and huge amp playing the Cuban summer hits all day long). A lesson learnt: if you want to go to Varadero, book your room in advance. Unless you want to start an adventurous (and endless) quest: thanks to Ale & Miriam for sharing those surreal moments with us!




Havana was the final stop. We loved to get lost in the streets of Habana Vieja, hang out in the Malecon at sunset and discover old books and vintage posters at the Plaza de Armas Market. We were wandering around when we bumped in maybe the most original shop of the whole Cuba (this island is not really the best destination for shopping): 99% diseño cubano is a sweet, daring and cutting-edge brand in the standardized (and boring) Cuban design landscape. Pay a visit! We always leave the main cities at the end of our tours: after two weeks in a country you are not a complete stranger anymore, so you can enjoy the city as the locals do (or, at least, you can try). We fell in love with the decadent but vibrant atmosphere of Havana: you never know what's around the corner.



Many people helped to make this journey even more amazing and we want to thank them all: people we shared a bus ride, a meal, a drink, a chat, a smile. In the end, travellers are just one big family.

With love,

Valeria and Mari



Italian Version

Un anno fa, durante uno dei nostri interminabili viaggi sui treni indiani, decidemmo che la nostra prossima destinazione sarebbe stata la rivoluzionaria isola di Cuba. L'aria di cambiamento cominciava a farsi sentire e non volevamo perdere l'occasione di vivere un po' di quella "Cuba autentica" (qualsiasi cosa voglia dire. ..) rimasta ferma agli anni '60. Doveva essere l'ennesimo viaggio del nostro rodato trio (Valeria, Mari e Paola), ma questioni lavorative dell'ultimo minuto hanno voluto che sul volo per L'Avana ci fossero solo Valeria e Mari con i loro fedelissimi zaini.

La prima tappa del viaggio è stata la Valle di Viñales con le sue incredibili colline che sembrano cadute dal cielo. Viñales è un tranquillo villaggio rurale che ha imparato a convivere con viaggiatori provenienti da tutto il mondo. Ci sono moltissimi percorsi per escursioni a piedi o a cavallo: abbiamo attraversato piccole piantagioni di caffè e tabacco e un guajiro ci ha spiegato come vengono fatti i celeberrimi sigari cubani partendo dalle singole foglie di tabacco.

Gli abitanti del villaggio ospitano i viaggiatori nelle proprie case (casas particulares): questo è senza dubbio il modo migliore per vivere Cuba. L'ospitalità delle famiglie cubane è splendida: siamo sempre state accolte calorosamente e il soggiorno è sempre stato molto piacevole. A Viñales la casa di Aleida è diventata subito "casa nostra" e ci siamo sentiti come parte della sua grande famiglia, che comprendeva anche la nostra compagna di stanza catalana Laura. L'abbiamo incontrata sull'autobus per Viñales e si è unita a noi per un paio di giorni come "temporary Pinktrotter"! Un sacco di risate, mojito e pettegolezzi!

Due giorni dopo siamo partiti per la "Parigi dei Caraibi": Cienfuegos. Quando siamo arrivati, abbiamo subito scoperto che era l'ultimo giorno di Carnevale (oh yes! Come avete letto...Carnevale nel mese di agosto!). Lungo il Malecón (lungomare) c'era una pazza sfilata di carri e noi non ce la siamo fatta scappare: la versione cubana dell'Oktoberfest con una parata in stile Rio de Janeiro e festeggiamenti per tutta la notte. Siamo state ospiti di un'ex-insegnante molto dolce e carina con una grande casa a Punta Gorda, una stretta lingua di terra circondata dal mare. Questa parte pittoresca della città è una curiosa combinazione di stili e di eccentricità: vale la pena una visita, ma non fidatevi di chi vi dice che è la più bella baia di Cuba ...

Il viaggio verso Trinidad è stato tratto da una scena di un film: noi due sedute sui sedili posteriori di una Chevrolet supervintage a contemplare dal finestrino le luccicanti spiagge della costa. Trinidad è una bella città con una suggestiva atmosfera coloniale: l'industria del turismo lo sa molto bene. Anche se è pieno di turisti, si può sicuramente vivere la città godendosi la musica suonata alla Casa de la Musica o in uno dei tanti ristoranti del centro della città (La Redacción era il nostro preferito). Una passeggiata nei dintorni della cattedrale vi farà vedere tutti i colori dell'arcobaleno dipinti lungo la strada.

Abbiamo anche noleggiato delle biciclette per andare al mare: un viaggio di 20 minuti circa per arrivare a una spiaggia paradisiaca (Costa Sur), con poca gente e sabbia bianchissima. Abbiamo trascorso qualche ora a Sancti Spiritus prima di arrivare a Santiago de Cuba. Santiago è sicuramente una città molto vivace: siamo stati accolti da un'orchestra che suonava nella piazza principale per festeggiare il compleanno di Fidel Castro! Un luogo da non perdere è la Casa de la Cultura: ci siamo imbattuti in un rituale della Santeria ed è stato un'interessantissima esperienza di musica, danza e spiritualità.
Non potremo sicuramente dimenticare la nostra padrona di casa Marta che gestisce la casa più pulita del mondo e la frizzante Aichel che sa cucinare deliziosi piatti italo-cubani (provate i ravioli di aragosta!). Mentre eravamo a Santiago abbiamo visitato la Gran Piedra (459 gradini in salita!!) e uno dei più antichi cafetales dell'isola. Santiago è il posto in cui è scoppiata la rivoluzione: non sorprendetevi dell'enorme quantità di cartelloni che celebrano l'eroismo di questa città!

Camaguey è stata la nostra tappa più lunga: tanto bella quanto inaspettata! Quando si viaggia con nessun altro piano che non avere nessun piano, bisogna accettare con un sorriso qualsiasi cosa il destino abbia in serbo per voi: incluso il blocco della vostra carta di credito! Siamo state così costrette a rimanere più a lungo del dovuto, ma il nostro karma ci ha ricompensato offrendoci una città bella e sorridente da scoprire. Abbiamo anche conosciuto la nostra nonna "ad honorem": Rosa Pilar Rivero che si è presa cura di noi come due nipotine.

E poi .. finalmente spiaggia! Siamo arrivate a Cayo Guillermo con grandi aspettative e il Cayo non ci ha deluso. Un paradiso di splendide spiagge bianche, palme e fenicotteri rosa ci stava aspettando! Dopo giorni di camminate e viaggi su e giù, non ci è dispiaciuto rilassarci nelle acque cristalline di Playa Pilar. Al Cayo abbiamo incontrato Miriam & Ale, un super coppia che ha viaggiato con noi fino alla nostra tappa successiva. Le spiagge dei Caraibi creano dipendenza, così abbiamo deciso di trascorrere una giornata a Varadero.

Nonostante le centaia di turisti in città, i 20 km ininterrotti di spiaggia possono dare la sensazione che siate solo voi e il mare trasparente (e un enorme cassa che suona a tutto volume le hits dell'estate cubana). Abbiamo anche imparato una lezione: se si vuole andare a Varadero, si deve prenotare la camera in anticipo.. a meno che non si voglia intraprendere ad una rocambolesca (e infinita) ricerca. Grazie ad Ale & Miriam per aver condiviso questi momenti surreali con noi!

L'Avana è stata la tappa finale. Ci siamo divertite a perderci per le strade di Habana Vieja, ad aspettare il tramonto lungo il Malecon e a scoprire i vecchi libri e manifesti d'epoca presso il Mercato de Armas Plaza. Stavamo passeggiando quando ci siamo imbattute nel negozio forse più originale di tutta Cuba (..questa isola non è davvero la destinazione migliore per lo shopping): 99% diseño cubano è un brand carino, audace e all'avanguardia, unico nel panorama standardizzato (e banale) design cubano. Merita una visita! Riserviamo sempre alla fine dei nostri viaggi la visita delle città principali: dopo due settimane in un paese, non sei più un perfetto sconosciuto e ti puoi godere la città come la gente del posto (o quasi). Ci siamo innamorati dell'atmosfera decadente e vibrante di L'Avana: non si sa mai cosa ti aspetta dietro l'angolo..

Un sacco di gente ha contribuito a rendere questo viaggio ancora più incredibile e vogliamo ringraziare tutti: le persone con cui abbiamo condiviso una corsa in autobus, un pasto, un drink, una chiacchierata, un sorriso ... alla fine, i viaggiatori sono un'unica grande famiglia .


10 cose da non perdere a Cuba:

1. Assaggiare un cocco appena raccolto sulla spiaggia di Cayo Guillermo;

2. Ingaggiare una guida e spendere qualche ora nel Giardino Botanico del Parco Nazionale di Gran Piedra Hire e lasciarsi affascinare dalle specie di piante tropicali che vi crescono;

3. Pedalere da trinidad a Playa Ancon e rilassarsi sulla spiaggia;

4. Fotografare tutti i manifesti rivoluzionari appesi ai muri delle città cubane;

5. Godersi un viaggio a bordo di una Chevrolet anni '50 (possibilmente rosa);

6. Assistere ad un rituale della Santeria aSantiago;

7. Scovare una jutia nella Valle diVinales;

8. Scoprirti a ballare salsa sul lungomare di L'Avana;

9. Assaggiare una vera Piña Colada e promettere a te stessa che non proverai a berla quando tornerai nel tuo paese: potrebbe essere una delusione.

10. Dimenticare il mondo mentre si galleggia nelle acque turchesi del Mare dei Caraibi.

Con amore,

Valeria e Mari































Curious about our looks? Here's more about our beach wear, accessories, skin & hair care:

Phyto is a great haircare product which protects your hair from dryness and sun
Our girls are wearing fantastic D'este bracelet, giving their modern outfit a classic twist
Leaf espadrilles make you feel confident and give a urban, yet elegant, look to any outfit


Faby nailpolish is the perfect choice for nail colours with a summer vibe
Piub products are made with Latte di Bufala, a natural product making your skin soft and silky
Lierac suncare products protect you from UVB rays and give your skin a pearl scent

Cia Maritina Bikinis will make you feel a true brazilian beauty!
Our pinktrotters travel with Butterfly Twists ballerinas, travel size flats that fit snug in their pocket!

Share this post on social media!


Find your flight or train to this location using Wanderio!

RELATED POSTS

buzzoole code