PT Escapes & Tips


PINKTROTTERS SUMMER 2015: ADVENTURE AT AEOLIAN ISLANDS

Selina and Anna decided to spend their holiday in a different way this year: experience what it means to live on a boat, without the comfort of a hotel and the days marked only by the sun.


Share this post on social media!

PINKTROTTERS SUMMER 2015: ADVENTURE AT AEOLIAN ISLANDS

Selina and Anna decided to spend their holiday in a different way this year: experience what it means to live on a boat, without the comfort of a hotel and the days marked only by the sun.



This year we decided to take risks, pushed by the desire to do something new and experience an adventure. We chose to spend our holiday at sea, sailing on a boat shared by a group of strangers.
After having booked our place a lot in advance, we eagerly waited to know who our sailing mates would be. Until the very last moment, we feared we would suffer from seasickness, have to share the boat with a group of boring old people or with a family with kids (lol). Fortunately, it didn't go this way.



- Classy D'este bracelets fit perfectly with the classy, yet sporty, boat life.

The holiday started off very well. After arriving at Lipari's harbour in the late afternoon, we met the skipper for our cabin assignments and received the first bit of information and guidelines about boat living. During the aperitif at the harbour's café, we made a grocery shopping list and headed off to the supermarket. We soon realized we were surrounded by a group of amusing people who loved to party. Well, the shopping cart spoke for itself: it was filled with items to make aperitifs and pre-drinks.





We spent the first day in Lipari walking in the city centre, eating delicious "Sicilian granita", immersing ourselves in the island's "movida". At night, the village was lively with people who pour in bars to listen to live music and drink refreshing cocktails. The following morning, our adventure got started: we bought fresh fish for lunch, left Lipari's harbour and started to sail towards the open sea.



Being on a boat, with the wind blowing on our hair, looking at the horizon, and meeting new people, is by far among the best things we have ever experienced. Days and hours are marked by the sunlight. Basking in the sun, diving in wonderful coves, admiring the landscape, eating delicious food and preparing delicious cocktails were our favourite activities. Without any doubt, we can describe our holiday as "out of this world". Yes, you heard right. A guy of the crew used this term to describe all the best moments of our holiday and we started using it too. We say "out of this world", because a week like this one empties your mind, disconnects you completely from everyday life, and gives a unique sense of freedom!


- Selina and Anna look beautiful in their Cia Maritima beachwear. Using Lierac suncare products helps them avoid sunburn after spending many hours under the sun.

The week passed more or less in the following way: we woke up early in the morning because the sun was on fire. The awakening started with a plunge into the sea to find somewhere cool. After breakfast, those who wanted could go ashore for grocery shopping or a trip, and then we started navigating again towards the following island. Along the way we stopped by the best coves to enjoy long and reinvigorating baths. Being 10 people on a single boat, finding a spot of shade was not an easy job. Although there was a little breeze, the only way to find a bit of relief was to plunge into the sea. Arrived at our destination in the late afternoon, we had a shower and started preparing for the night on shore.



At full sail, with the wind at our back, and the sun on our faces, we visited 6 islands: Lipari, the biggest one, with an historical centre full of nightlife. Panarea, the most "chic", where we had an aperitif on Hotel Raya's terrace with a view on the bay at sunset. Stromboli, where we faced a 3-hour night hike to reach the top of the volcano. Once at the top, we looked at the wakes of fire – with warm clothes on, because the temperature leap is huge – and ate cookies – to reward ourselves for the physical effort, of course. Next, we visited Salina, the second island in terms of size. Here we enjoyed a tasty type of bread, Cunzato. We ended our expedition by visiting Filicudi, a small island that will make you want to come back to visit again. In fact, there's a small square where children were playing those games we used to play in the past: colouring the ground with small pieces of chalk or playing hide-and-seek. Those children made us feel nostalgic of our childhood and the light-heartedness used to have. While we were walking along the seaside, we met a man who managed a chirinquito on the beach. His story made us think about our frenetic lifestyle. We spent our last day in Vulcano, from whose top we admired a breathtaking landscape. At the top, there is an extinguished crater with sulphur fumaroles. The island is indeed famous as a health spa.



Living on a boat is not comfortable: one needs to adapt, learn how to manage times and spaces that are different from daily life. We were lucky in that we shared the boat with an awesome crew of people, who made our week simply fantastic. Living 24/7 in a small space gave us the chance to know each other much faster than usual and to create meaningful friendships. More than a holiday, it has been a life experience: the magic of summer, the scent of the sea, and the good company made us find ourselves again. We now feel happy, light-hearted, and full of joy. We want to live, travel, meet new people, and enrich our lives with new exciting experiences.


- Cia Maritima beachwear

With love,
Selina and Anna


Italian version

Quest'anno abbiamo deciso di rischiare, spinte dalla voglia di sperimentare qualcosa di nuovo e partire all'avventura. Per questo motivo, abbiamo optato per una vacanza nelle meravigliose Isole Eolie in una barca a vela in condivisione con altre persone. Dopo aver prenotato con largo anticipo, abbiamo atteso con trepidazione di sapere chi sarebbero stati i nostri compagni di avventura. Fino all'ultimo momento abbiamo temuto di soffrire di mal di mare e di incontrare una compagnia di adulti noiosi o famiglie con bambini, ma, come presto scoprirete, per fortuna non è andata così!

Diciamo subito che la vacanza è partita alla grande. Arrivati tutti al porto di Lipari nel tardo pomeriggio ci siamo incontrati con la skipper per l'assegnazione delle cabine e per ricevere le prime informazioni sulla vita in barca. Durante l'aperitivo al bar del porto abbiamo deciso la lista della spesa e tutti insieme siamo andati al supermercato a fare cambusa. Ci siamo subito resi conto di essere circondate da una compagnia divertente e con tanta voglia di fare festa. Il carello parlava da sé: lo era pieno di cose per organizzare aperitivi e dopo cena.

Abbiamo trascorso il primo giorno a Lipari passeggiando per le vie del centro, mangiando le deliziose granite sicule e immergendoci nella movida dell'isola, che di sera si anima di gente che si riversa nei baretti ad ascoltare musica dal vivo sorseggiando cocktails rinfrescanti. La mattina seguente è iniziata la nostra avventura: dopo essere andati a comprare il pesce fresco per il pranzo, abbiamo lasciato il porto di Lipari e iniziato la navigazione in mare aperto.

Stare in barca con il vento che scompiglia i capelli, scrutare l'orizzonte e fare la conoscenza di nuove persone è tra le cose più belle che esistano. Stare a crogiolarsi al sole, tuffarsi nelle meravigliose baie, ammirare il paesaggio, degustare ottimo cibo e preparare aperitivi sono le attività che riempivano le nostre giornate e che hanno creato un gran bel team con tanta voglia di condividere una vacanza "spaziale". Già proprio cosi, spaziale, termine che abbiamo adottato da un ragazzo della compagnia che definiva cosi i momenti più belli e divertenti, dico spaziale perché una settimana cosi svuota la testa, fa disconnettere totalmente con la vita di tutti i giorni e regala un senso di libertà unico!

La settimana si è svolta più o meno nel seguente modo: alla mattina sveglia abbastanza presto perché il sole ci faceva schiattare di caldo! Il risveglio iniziava con un tuffo in mare in cerca di refrigerio. Dopo colazione, chi voleva poteva sbarcare sull'isola per fare la spesa o un eventuale escursione e poi si riprendeva la navigazione verso l'isola successiva. Lungo il tragitto tra un'isola e l'altra ci fermavamo nelle baie più suggestive per fare dei lunghi bagni rigeneranti. Essendo in 10 in barca durante la navigazione trovare ombra non era semplice, e anche se c'era un po' di venticello, l'unico modo per sentire un po' di sollievo era un tuffo in mare. Arrivati a destinazione nel tardo pomeriggio cominciava il turno delle docce e dei preparativi per la serata sulla terraferma.

A vele spiegate, con il vento in poppa e il sole in viso abbiamo visitato 6 isole: Lipari, la più grande, con un centro storico pieno di vita notturna; Panarea, la più chic, dove abbiamo fatto un aperitivo sulla terrazza del locale Raya con vista sul mare ammirando il tramonto; Stromboli, dove abbiamo affrontato la scalata notturna al vulcano: 3 ore di camminata infinita per raggiungere la vetta. Un volta in cima, abbiamo ammirato le sciare di fuoco in felpa perchè lo sbalzo termico è molto alto. Per compensare lo sforzo fisico ci siamo mangiate un pacco di biscotti; Salina, la seconda isole per grandezza dove si mangia il pane "cunzato"; per concludere, Filicudi, un'isoletta molto piccola che dà la sensazione di tornare indietro nel tempo. Infatti, c'è una piccola piazza che si affaccia sul mare, dove bambini giocavano come si usava un tempo, usando gessetti per disegnare a terra o facendo nascondino. Vederli lì ci ha fatto venire nostalgia di quella spensieratezza che avevamo quando eravamo bambine. Una passeggiata lungo il mare ci ha portato a incontrare un signore che gestisce un chirinquito in spiaggia. Nel racconto del suo stile di vita abbiamo trovato una pace e una semplicità di vivere che ci ha fatto riflettere sul nostro mondo frenetico. Il penultimo giorno siamo approdate a Vulcano e di buon ora ci siamo alzate per salire in vetta da dove abbiamo potuto ammirare un panorama mozzafiato. In cima si trova il cratere, oggi spento, dove ci sono fumarole di zolfo. L'isola è infatti famosa come stazione termale dove fare i fanghi.
La vita in barca non è dotata di grandi comfort: bisogna sapersi adattare, imparare a gestire tempi e spazi completamente diversi dalla vita quotidiana. Abbiamo avuto la fortuna di condividere la barca con delle persone simpatiche, divertenti e piene di vita che hanno reso la settimana eccezionale. Vivere tutti insieme 24 h su 24 h in uno spazio così piccolo ci ha dato modo di conoscerci in fretta e ha fatto nascere delle amicizie che vanno al di là di quelle della classica vacanza.

Più che una vacanza è stata un'esperienza di vita: la magia dell'estate, il profumo di mare, la buona compagnia ci ha fatto ritrovare noi stesse, libere, felici, spensierate e con gioia di vivere, viaggiare e conoscere e arricchirci di nuove esperienze.


With love,
Selina and Anna








































Curious about our looks? Here's more about our beach wear, accessories, skin & hair care


- Classy D'este bracelets fit perfectly with the classy, yet sporty, boat life.
- Piub and Phyto products are great to protect and hydrate your skin and hair when you're often exposed to the sun.
- Using Lierac suncare products helps avoid sunburn on a boat after spending many hours under the sun.
- Faby nailpolish is the perfect choice for nail colours with a summer vibe
- Our pinktrotters travel with Butterfly Twists ballerinas, travel size flats that fit snug in their pocket

Share this post on social media!


Find your flight or train to this location using Wanderio!

RELATED POSTS

buzzoole code